Press "Enter" to skip to content

La cucina Pugliese, tra mare e terra.

Un viaggio in Puglia significa anche perdersi tra i sapori di questa terra.
Per le sue peculiarità geografiche la Puglia riesce a far convivere a tavola sia la tradizione contadina, sia quella marinara, in maniera molto semplice ma al contempo molto variegata.

L’ingrediente principe di gran parte delle ricette pugliesi è l’olio, che viene prodotto dal Gargano al Salento da millenni. olive-oil-926827_1280
L’olio extravergine d’oliva è anche alla base di una ricca produzione di conserve, sopratutto verdure, che vengono disidratate in vari modi e messe sott’olio. Tipici sono i pomodori sott’olio. Tagliati a metà, i pomodori vengono messi a seccare al sole su tavole di legno. Una volta essiccati vengono conservati in un barattolo di vetro insieme all’olio che, oltre ad insaporire, rende l’alimento duraturo nel tempo.
Alle verdure si abbina una antichissima produzione di legumi, come ad esempio le fave di Carpino.

Nella parte nord della Puglia, il tavoliere, è ricchissima la produzione di grano. Le farine vengono poi usate per fare pane, pasta, taralli e focacce.
Tra i formati di pasta più conosciuti sono le orecchiette, spesso abbinate alle cime di rapa, i troccoli e i cavatelli.
pugliacucina
Diffusa un po’ in tutta la regione è invece la produzione di formaggi e latticini. Mozzarelle, burrate, caciocavalli e cacioricotta pugliesi sono riconosciuti in tutto il mondo per le loro peculiarità. Ad esempio, le mucche della razza podolica, che vengono allevate allo stato semibrado, riescono ad avere un’alimentazione più sana e molto più varia, che da al suo latte un sapore unico che si sposa perfettamente con la produzione di “Caciocavalli Podolici”
pugliacucina-2
Accanto alle verdure e ai latticini c’è la cucina di pesce: cozze, polpi e ricci di mare sono solo alcune delle delizie che il mare pugliese ci dona.
I frutti di mare, se freschi e di provenienza certa, vengono spesso consumati crudi.

Nella zona delle murge, la parte più interna, è invece ricca la produzione di carne e di piatti a base di carne come le bombette pugliesi, le polpette e le salsicce a punta di coltello.

Ricchissima in tutta la regione è anche la produzione di vini, sopratutto rossi. Un tempo usato per “irrobustire” i vini del nord italia con il suo forte grado alcolico, i vini pugliesi sono adesso affermati e apprezzati, grazie anche ad un lavoro sulla qualità della materia prima. Negramaro, Primitivo e Nero di Troia sono i vini più conosciuti e diffusi nell’intera regione.

Una cultura enogastronomica mediterranea, fatta di piatti semplici e genuini, in cui si fondono millenni di storia, mare e terra: è questa la cucina pugliese!